Schede sintetiche

Tutte le Schede per data decrescente di discussione (suddivisione per Area, nei sottomenù)

PubbliTesi - La Tesi
Studio preliminare sulla corrispondenza tra la gerarchia sociale e l’ordine di uscita dall’installazione in un gruppo di Giraffe (Giraffa camelopardalis) in ambiente controllato.

Scheda Sintetica

Autore: Chiara Grasso
Relatore: Elisabetta Macchi
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
Corso: Laurea Spec. in Evoluzione del Comportamento Animale e dell’Uomo
Data di Discussione: 17/10/2017
Voto: 106
Disciplina: Etologia applicata
Tipo di Tesi: Sperimentale
Altri Relatori: Federico Guillén Salazar
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Scientifica
In Collaborazione con: Bioparc Valencia - CEU Universidad Cárdenal Herrera
Settori Interessati: Etologia applicata, ricerca, etologia di base, gestione in ambienti protetti, zoo keeping, gestione animali selvatici

Descrizione:
The population of giraffes (Giraffa camelopardalis) in nature has dramatically decreased over the last 20 years. For this reason, ex situ maintenance and reproduction has become indispensable for conservation and knowledge of the specie. This study was carried out at the zoo Bioparc (Valencia, Spain) in March and April 2017, on a group of 6 adult giraffes (1 male and 5 females). This research aims to deepen the ethological knowledge of giraffes and its captive management, to see if the exit order from the enclosure reveals the actual dominance hierarchy. We consider the exit moment from the day-time enclosure to the night-time one, as a limited resource for the animals. So we observe the order of departure to see if it predictive of the group hierachy. This was possible by analyzing the group’s social structure and eventual hierarchical order through 1171 focal samplings: 10 minutes for each animal. Agonistic behaviors such as yield and displacement were registered and social relations ...

Grado di Innovazione:
Lo studio che ho condotto sulla correlazione tra ordine gerarchico e uscita dall’installazione in ambiente protetto, non solo è l’unico presente in letteratura scientifica per quanto riguarda la specie di Giraffa camelopardalis, ma anche uno dei pochi esistenti in assoluto su tale tema. Tuttavia fornisce un semplice ed efficace modo di poter stabilire la gerarchia in zoo o parchi zoologici e di conservazione all’interno di gruppi di animali.
Attraverso la semplice osservazione dell’uscita dall’ ...

PubbliTesi - La Tesi
LA RISONANZA MAGNETICA NEL WORK-UP PRE-OPERATORIO DEL CANCRO LARINGEO: CORRELAZIONI CLINICO-PATOLOGICHE

Scheda Sintetica

Autore: lucia marocco
Relatore: Giovanni Succo
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche
Corso: Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia - Sede di Orbassano
Data di Discussione: 21/07/2017
Voto: 110 cum laude
Disciplina: Otorinolaringoiatria
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si

Descrizione:
Il carcinoma laringeo rappresenta una delle indicazioni più frequenti di esecuzione della risonanza magnetica (RM) a livello testa-collo permettendo di valutare la profondità di invasione del tumore e il coinvolgimento di strutture come lo spazio paraglottico, pre-epiglottico e le cartilagini.
Lo scopo del nostro studio è dimostrare il ruolo clinico della RM nella valutazione pre-operatoria delle strutture sottomucose, come lo spazio pre-epiglottico e quello paraglottico e delle cartilagini sottostanti, orientando così il successivo iter diagnostico-terapeutico.
La RM ha dimostrato un’accuratezza diagnostica molto elevata nella valutazione degli spazi adiposi sottomucosi, dell’invasione cartilaginea anche parcellare (con qualche difficoltà per il castone cricoideo) dell’estensione extra-laringea ed infine nella valutazione dell’estensione sottoglottica della malattia.
Le maggiori difficoltà della RM sono probabilmente dovute all’infiltrazione infiammatoria peri-tumorale ed all’edem ...

PubbliTesi - La Tesi
Efficacia della Terapia Cognitivo Comportamentale e dell’Eye Movement Desensitization and Reprocessing Therapy nel trattamento della Depressione: uno Studio Randomizzato Controllato

Scheda Sintetica

Autore: Luca Calorio
Relatore: Luca Ostacoli
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Dipartimento di Scienze Cliniche e Biologiche
Corso: Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia - Sede di Orbassano
Data di Discussione: 20/10/2017
Voto: 103
Disciplina: Psichiatria
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si

Descrizione:
Introduzione
La depressione comporta enormi costi sociali e finanziari in termini di indebolimento delle relazioni, perdita di produttività, continuativo ricorso a farmaci e improprio utilizzo dei servizi sanitari e delle professionalità sanitarie. Nonostante grandi investimenti economici, il trattamento della depressione ricorrente ottiene al momento risultati solo moderatamente soddisfacenti. Crescenti evidenze indicano una significativa relazione tra disturbi depressivi ricorrenti, eventi di vita stressanti e traumi psicologici. Studi recenti avanzano l’ipotesi che l’EMDR possa essere efficace nel migliorare i sintomi depressivi e la qualità di vita dei pazienti. Questo è il primo studio randomizzato controllato multicentrico che indaga l’efficacia di EMDR e CBT come terapia aggiuntiva alla CBT nel trattamento della depressione ricorrente.
Conclusioni
Sebbene questi risultati possano essere tenuti in considerazione solo in via preliminare, questo studio sottolinea come l’EMDR po ...

PubbliTesi - La Tesi
“Sclerosi Multipla e attività fisica adattata: studio pilota, prospettico di valutazione delle fattibilità di un protocollo di attività in palestra e un protocollo di esercizi in acqua”

Scheda Sintetica

Autore: Cecilia pisano
Relatore: Marinella Clerico
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Dipartimento di Filosofia e Scienze della Educazione
Corso: Laurea Magistrale in Scienze dell’educazione motoria e delle attività adattate
Data di Discussione: 06/10/2017
Voto: 110 cum laude
Disciplina: Discipline mediche
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Umanistica
Dignità di Stampa: Si
In Collaborazione con: Azienda Ospedaliera San Luigi Gonzaga
Settori Interessati: SETTORI MEDICI, PSICOLOGICI, DEL BENESSERE E DELLE SCIENZE MOTORIE

Descrizione:
La ricerca esposta in questa tesi si pone l’obiettivo di valutare i benefici di un programma di attività fisica adattata (AFA) in un campione di soggetti affetti da Sclerosi Multipla (SM). Il presente studio, inoltre, intende mettere a confronto due tipologie di allenamento: un protocollo di resistance svolto in palestra e uno di esercizi in acqua, valutando quale tra le due attività sia più indicata per il miglioramento dello stato di salute, della qualità della vita e per la diminuzione del senso di fatica. L’attività fisica è stata ultimamente proposta come mezzo per contrastare i sintomi disabilitanti della SM (Motl R.W, 2010), poiché migliorerebbe i processi neurobiologici, strettamente correlati alla fatica cronica (Chaudhuri A., Behan P., 2004), promuovendo la neuro-protezione, la neuro-plasticità e riducendo la disabilità nel lungo termine (White L., Castellano V., 2008; White L., Castellano V., 2009). La ricerca è stata condotta su un campione composto da 9 pazienti affetti da ...

Grado di Innovazione:
PARTICOLARMENTE INNOVATIVA PER L’USO DELL’ATTIVITA’ FISICA NEL TRATTAMENTO DI PATOLOGIE NEURODEGENERATIVE

 
Per ulteriori informazioni sulle Tesi presentate in questo sito sotto forma di Schede Sintetiche Accededere all’Area Riservata o Registrarsi.

Informazioni aggiuntive