Schede sintetiche

Tutte le Schede per data decrescente di discussione (suddivisione per Area, nei sottomenù)

PubbliTesi - La Tesi
Prevalenza della sifilide materna ed incidenza della sifilide congenita in sei Unità materno-infantili del Piemonte

Scheda Sintetica

Autore: Elisa Antonielli d’Oulx
Relatore: Pier Angelo Tovo
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Facoltà di Medicina e Chirurgia
Corso: Medicina e Chirurgia (V.O.)
Data di Discussione: 21/03/2006
Voto: 110 cum laude
Disciplina: Pediatria
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si
Settori Interessati: Settori epidemiologici e sanitari

Descrizione:
Gli obietti della mia tesi sono stati: definire la prevalenza di infezione luetica in gravidanza, l’incidenza di sifilide congenita ed il tasso di trasmissione in diverse aree del Piemonte; ricercare caratteristiche demografiche, socio-culturali e cliniche associate all’infezione; valutare l’eventuale effetto di sensibilizzazione di questo screening sulla pratica ostetrica e pediatrica e l’utilità di uno screening prenatale sistematico, stabilendone le modalità migliori.

Grado di Innovazione:
Innovativa per la ricerca della prevalenza ed incidenza di sifilide in Piemonte

PubbliTesi - La Tesi
Studio clinico sperimentale: evoluzione e terapia dell’osteonecrosi avascolare mandibolare in pazienti trattati con bifosfonati affetti da metastasi ossee di tumori solidi

Scheda Sintetica

Autore: Rosella Spadi
Relatore: Antonio Mussa
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Facoltà di Medicina e Chirurgia
Corso: Laurea Spec. a Ciclo Unico in Medicina e Chirurgia
Data di Discussione: 21/03/2006
Voto: 105
Disciplina: Oncologia
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si
In Collaborazione con: Chirurgia orale I A.O. Molinette di Torino Breast Unit Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Cremona,

Descrizione:
La nostra divisione (COES-Oncologia dell’A.O.Molinette di Torino) ha condotto questa ricerca per cercare di chiarire i meccanismi patogenetici e di ottimizzare il management di questa grave complicanza,diagnosticando7 casi di ONJ. Inoltre ha condotto un’ulteriore analisi in collaborazione con la Breast Unit Azienda Ospedaliera Istituti Ospitalieri di Cremona, che nello stesso periodo ha raccolto 6 casi di ONJ insorti durante il trattamento in pazienti affette da carcinoma mammario con metastasi ossee.Nel Centro di Cremona, veniva dosato oltre alla calcemia anche il PTH. L’iperparatiroidismo persistente può essere coinvolto nella complessa patogenesi dell’ONJ associata al trattamento coi bifosfonati. Studi hanno dimostrato che i bifosfonati sono in grado di indurre ipocalcemia e iperparatiroidismo ma i possibili effetti che contribuiscono all’iperparatiroidismo secondario dopo la somministrazione di bifosfonati per lo sviluppo di ONJ non sono stati chiariti.Personalizzando la somministrazion ...

Grado di Innovazione:
A mio giudizio particolarmente innovativa per qunto riguarda l’individuazione di soggetti a rischio di sviluppare una complicanza difficilmente curabile ed organizzare una eventuale terapia

PubbliTesi - La Tesi
Studio clinico sperimetale sulla correlazione tra acidi grassi poliinsaturi e sviluppo del tumore del colon

Scheda Sintetica

Autore: Raffaella Napoletano
Relatore: Antonio Mussa
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Facoltà di Medicina e Chirurgia
Corso: Laurea Spec. a Ciclo Unico in Medicina e Chirurgia
Data di Discussione: 21/03/2006
Voto: 106
Disciplina: Oncologia medica
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si
In Collaborazione con: Patologia Generale dell’Università degli Studi di Torino
Settori Interessati: Scientifico-sperimentali in campo oncologico, dietologico.

Descrizione:
E’ ormai noto che fattori dietetici e ambientali sono chiamati in causa come responsabili dello sviluppo del tumore del colon-retto in una percentuale variabile dall’85% al 90%.
Evidenze epidemiologiche e sperimentali mostrano che tali fattori, hanno un impatto sul processo di cancerogenesi nel colon soprattutto negli stadi iniziali.
Andando ad analizzare il contenuto di acidi grassi e dei fosfolipidi (FL) cellulari e del plasma di soggetti colpiti da neoplasia del colon e al contempo alcuni parametri correlati con la proliferazione cellulare e l’apoptosi si potrebbero rilevare delle variazioni nel contenuto di questi che potrebbero essere alla base del processo di cancerogenesi.

Grado di Innovazione:
Questo studio mostra dei risvolti interessanti sul comportamento delle cellule tumorali del colon e sul potenziale ruolo preventivo-terapeutico di una dieta ponderata.

PubbliTesi - La Tesi
La reinnervazione sensitiva nella cute trapiantata nel grande ustionato. Analisi morfologica con metodo immunoistochimico

Scheda Sintetica

Autore: Enrico Maria Zingarelli
Relatore: Giovanni Bocchiotti
Università: Università degli Studi di Torino
Facoltà: Facoltà di Medicina e Chirurgia
Corso: Laurea Spec. a Ciclo Unico in Medicina e Chirurgia
Data di Discussione: 21/03/2006
Voto: 103
Disciplina: Chirurgia Plastica e Ricostruttiva
Tipo di Tesi: Sperimentale
Altri Relatori: Maurizio Stella, Gian Carlo Panzica
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Sanitaria
Dignità di Stampa: Si

Descrizione:
Nel corso di interventi di chirurgia plastica ricostruttiva, sono state raccolte 10 biopsie cutanee da pazienti adulti ustionati, sottoposti ad intervento chirurgico con:
· innesto dermo-epidermico su fondo escisso;
· innesto dermo-epidermico su fondo di Integra®;
· cheratinociti autologhi coltivati innestati su fondo escisso.
Quando la severità delle ustioni l’ha consentito, è stata inoltre eseguita una biopsia di controllo di cute sana, prelevata da un sito adiacente non coinvolto dall’ustione.
I pazienti, prima di essere sottoposti al prelievo bioptico, sono stati esaminati dal punto di vista estesiologico con i seguenti test clinici.
Sulla base dei dati estesiologici a ciascun paziente è stato assegnato uno score sensitivo secondo lo schema di Zackary e Holmes che suddivide i risultati in 5 classi, in base ai diversi test di sensibilità e alla presenza o meno di iperestesie.
I campioni prelevati sono stati analizzati con metodo immunoistochimico, media ...

 
Per ulteriori informazioni sulle Tesi presentate in questo sito sotto forma di Schede Sintetiche Accededere all’Area Riservata o Registrarsi.

Informazioni aggiuntive