• Stampa
Valutazione attuale:  / 5
ScarsoOttimo 

PubbliTesi - La Tesi
Conoscenza–Decisione-Rischio la Roulette Russa del XXI secolo

Scheda Sintetica

Autore: Paolo Tagliaretti
Relatore: Fabio D’Andrea
Università: Università degli Studi di Perugia
Facoltà: Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, umane e della formazione
Corso: Laurea magistrale in Scienze socioantropologiche per l’integrazione e la sicurezza sociale
Data di Discussione: 30/04/2018
Voto: 110 cum laude
Disciplina: Rischio Ambientale e Sicurezza
Tipo di Tesi: Sperimentale
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Umanistica
In Collaborazione con: Comune di Tortona
Settori Interessati: Prevenzione dei Rischi, Tutela dell’Ambiente, Sociologia, Antropologia, Giurisprudenza, Psicologia Sociale, Criminologia

Descrizione:
Conoscenza, decisione e rischio hanno intensificato massicciamente il loro dialogo nel tempo in cui viviamo grazie all’instabilità dovuta al cambiamento del panorama globale, alla crisi scientifica e finanziaria, alle guerre e al terrorismo, alle grandi migrazioni, alla crisi ambientale e dell’istituzione religiosa occidentale. Di tutti i teatri elencati quello più grave anche se de facto quello meno sentito è proprio quello connesso all’ambiente inteso come ecosistema. Detta crisi non può essere più gestita in maniera rigorosa solo dalla scienze biologiche e giurisprudenziali ma richiede l’intervento di tutto il mondo accademico ed in particolar modo delle scienze sociali. Mission principale di questo elaborato di tesi è proprio dimostrare che le scienze umane possono ottenere ottimi risultati in materia di prevenzione del rischio ambientale grazie allo stretto legame evolutivo uomo-natura.

Grado di Innovazione:
Il presente lavoro risulta essere innovativo proprio perché studia la prevenzione del rischio su base sociologica e non più in maniera lineare ma circolare, basandosi proprio sulla summenzionata interconnessione fra: conoscenza, decisione e rischio. Tale sistema è stato da me impiegato per lo studio di un caso legato al rischio ambientale, ma potrebbe essere utile per lo studio del rischio anche in altri settori della vita umana.