Valutazione attuale:  / 4
ScarsoOttimo 

PubbliTesi - La Tesi
Intreccio strutturale e vertigine dello sguardo: tettonica, decorazione e attualità della stereotomia nella Cattedrale di Murcia.

Scheda Sintetica

Autore: Elena Trevisan
Relatore: Agostino De Rosa
Università: Università IUAV di Venezia
Dipartimento: Scuola di Dottorato
Corso: Dottorato in Architettura, città e design - Composizione architettonica
Data di Discussione: 18/03/2015
Voto: s.v.
Disciplina: Composizione Architettonica - Curriculum Rappresentazione e Rilievo dell’Architettura
Tipo di Tesi: Ricerca
Lingua: Italiano
Grande Area: Area Scientifica
Dignità di Stampa: Si
Settori Interessati: Architettura, Disegno

Descrizione:
Le architetture stereotomiche sono da tempo oggetto di speculazione da parte di ricercatori afferenti alle discipline del disegno e della tecnologia delle costruzioni. Tali studi, anche se raffinatissimi, raramente sono orientati al progetto di architettura.
Ciò che contraddistingue questa tesi è l’aspirazione ad individuare alcuni principi necessari ai processi conoscitivi e ideativi della composizione architettonica. Il punto di vista della ricerca qui condotta, che porta come caso studio il complesso sistema di volte stereotomiche rinascimentali della Cattedrale di Murcia, è in altre parole quella del progetto di architettura, attraverso il riconoscimento critico della potenzialità spaziali e percettive dell’architettura in pietra da taglio, intesa non solo come continuità con le tecniche tradizionali ma anche come loro radicale aggiornamento.

Grado di Innovazione:
La tesi è particolarmente innovativa poiché offre una chiave di lettura della stereotomia a fini progettuali, sia per il restauro che per la nuova costruzione. L’aspetto principale messo in luce è quello della spazialità delle architetture in pietra da taglio, in relazione all’articolazione tettonica del muro.

 
Per ulteriori informazioni sulle Tesi presentate in questo sito sotto forma di Schede Sintetiche Accededere all’Area Riservata o Registrarsi.

Informazioni aggiuntive