PubbliTesi

PubbliTesi è un sistema documentale finalizzato alla raccolta ed alla diffusione elettronica delle migliori Tesi di Laurea e di Dottorato presentate negli Atenei italiani. Il sistema è realizzato dal CNR e dall’Inforav (Istituto, non a fini di lucro, per lo sviluppo e la gestione avanzata dell’informazione), in collaborazione con la D. G. per i Sistemi Informativi del MIUR e le Università, con il Patrocinio dello stesso MIUR, il Patrocinio scientifico del CNR, ed il contributo dell’AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) e della Fondazione Cassa di Risparmio di Roma. Il sistema si propone di contribuire ad evidenziare, a livello nazionale, il patrimonio di idee, creatività e ricerca, contenuto nelle migliori Tesi, ed a collegarlo con il tessuto sociale e produttivo del Paese, anche in relazione agli attuali scenari di competitività globale. Le norme e le modalità di accesso sono descritte nel sito.
  1. Carmelo Bonannella - Characterization of forest disturbance and recovery using Landsat time series: a case study in Central Italy.

    PubbliTesi - La Tesi
    Characterization of forest disturbance and recovery using Landsat time series: a case study in Central Italy

    Scheda Sintetica

    Autore: Carmelo Bonannella
    Relatore: Gherardo Chirici
    Università: Università degli Studi di Firenze
    Facoltà: Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI)
    Corso: Corso di laurea magistrale in Scienze e tecnologie dei sistemi forestali
    Data di Discussione: 17/07/2019
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Forest Remote Sensing Laboratory
    Tipo di Tesi: Sperimentale
    Lingua: Inglese
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    Settori Interessati: MIPAAF, CREA, ESA

    Descrizione:
    Three agents of disturbance (harvesting operations, wildfires and windthrow) of Mediterranean forest ecosystems were characterized based on their distinct temporal behaviour before and after the event. Through a period of observation of 20 years (1999-2018), spectral trajectories on a pixel level were extracted from a Landsat time series of 13 different spectral variables; the trajectories were analyzed for each spectral variable and disturbance agent to produce descriptive temporal trends of the phenomena. NBR-based recovery metrics were then used to characterize both short term (5 years) and long term aspects of recovery.

    Grado di Innovazione:
    A mio giudizio particolarmente innovativa poiché si tratta del primo studio a scala multitemporale operato su ecosistemi forestali italiani per l’identificazione e la caratterizzazione dei disturbi forestali.

  2. Giulia Notarangelo - Calenzano tra terra e acqua:mulini, mugnai ed altre specificità del mondo contadino dal XVI al XX secolo.

    PubbliTesi - La Tesi
    Calenzano tra terra e acqua:mulini, mugnai ed altre specificità del mondo contadino dal XVI al XX secolo

    Scheda Sintetica

    Autore: Giulia Notarangelo
    Relatore: Lucia Carle
    Università: Università degli Studi di Firenze
    Facoltà: Scuola di Architettura
    Corso: Laurea Magistrale in Pianificazione e Progettazione della Città e del Territorio
    Data di Discussione: 16/04/2019
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Antropologia storica
    Tipo di Tesi: di Ricerca
    Altri Autori: Jessica Leonardi
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    Settori Interessati: Pubblica amministrazione, Aziende agricole, Associazioni

    Descrizione:
    Il lavoro antropologico è teso a ricostruire la rete di mulini ad acqua presenti nel territorio di Calenzano dal XVI al XX secolo.
    Risulta articolato in 4 capitoli dove, oltre alla descrizione dei mulini presenti, viene inquadrato il territorio sotto il profilo ambientale-territoriale ed economico sociale, per giustificare la numerosità dei mulini durante i suddetti secoli.
    E’ stata prima analizzata la componente antropica e descritte le abitudini e le scelte matrimoniali del mugnaio poi sono state analizzate tre famiglie di mugnai operative per diversi secoli a Calenzano, tramandandosi l’attività di padre in figlio. Il lavoro propone, infine, la valorizzazione di specificità del mondo contadino al fine di garantire una continuità con la produzione cerealicola che ha caratterizzato il territorio sulla lunga durata.

    Grado di Innovazione:
    a mio giudizio tesi innovativa in quanto è l’unico testo che ricostruisce le genealogie di famiglie di mugnai operanti per secoli nel territorio di studio

  3. Jessica Leonardi - Calenzano tra terra e acqua: mulini, mugnai ed altre specificità del mondo contadino dal XVI al XX secolo

    PubbliTesi - La Tesi
    Calenzano tra terra e acqua: mulini, mugnai ed altre specificità del mondo contadino dal XVI al XX secolo

    Scheda Sintetica

    Autore: Jessica Leonardi
    Relatore: Lucia Carle
    Università: Università degli Studi di Firenze
    Facoltà: Scuola di Architettura
    Corso: Laurea Magistrale in Pianificazione e Progettazione della Città e del Territorio
    Data di Discussione: 16/04/2019
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Antropologia storica
    Tipo di Tesi: di Ricerca
    Altri Autori: Giulia Notarangelo
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    Settori Interessati: Pubblica Amministrazione, aziende agricole, associazioni

    Descrizione:
    Il lavoro antropologico è teso a ricostruire la rete di mulini ad acqua presenti nel territorio di Calenzano dal XVI al XX secolo.
    Risulta articolato in 4 capitoli dove, oltre alla descrizione dei mulini presenti, viene inquadrato il territorio sotto il profilo ambientale-territoriale ed economico sociale, per giustificare la numerosità dei mulini durante i suddetti secoli.
    E’ stata prima analizzata la componente antropica e descritte le abitudini e le scelte matrimoniali del mugnaio poi sono state analizzate tre famiglie di mugnai operative per diversi secoli a Calenzano, tramandandosi l’attività di padre in figlio. Il lavoro propone, infine, la valorizzazione di specificità del mondo contadino al fine di garantire una continuità con la produzione cerealicola che ha caratterizzato il territorio sulla lunga durata.

    Grado di Innovazione:
    A mio giudizio la tesi risulta innovativa in quanto è l’unico testo che ha ricostruito le genealogie di alcune famiglie di mugnai operanti per secoli nel territorio di studio.

  4. Emanuele Angelino - Calibrazione con 37Ar dell’esperimento XENON1T per la rivelazione diretta di materia oscura.

    PubbliTesi - La Tesi
    Calibrazione con 37Ar dell’esperimento XENON1T per la rivelazione diretta di materia oscura

    Scheda Sintetica

    Autore: Emanuele Angelino
    Relatore: Gian Carlo Trinchero
    Università: Università degli Studi di Torino
    Facoltà: Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
    Corso: Laurea Spec. in Astrofisica e Fisica Cosmica
    Data di Discussione: 12/04/2019
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Fisica
    Tipo di Tesi: Sperimentale
    Altri Relatori: Andrea Molinario
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    In Collaborazione con: INFN

    Descrizione:
    L’esperimento XENON1T ha come scopo la rivelazione diretta di materia oscura, attraverso un rivelatore a doppia fase che utilizza xenon. Nell’ottobre 2018, la nuova sorgente di calibrazione 37Ar è stata aggiunta al sistema di calibrazione dell’esperimento e rilasciata nel rivelatore. L’isotopo 37Ar decade con un tempo di dimezzamento di 35 giorni, emettendo due righe mono-energetiche a 2.82 keV e 0.27 keV, che consentono lo studio del rivelatore a bassissime energie. Queste righe sono le più basse utilizzate e l’utilizzo di questa sorgente sarà particolarmente importante per il rivelatore di prossima generazione XENONnT. In questo lavoro sono mostrati i risultati della prima analisi dei dati di calibrazione con l’argon. I picchi corrispondenti ai due decadimenti sono stati identificati con elevata efficienza. E’ stato possibile verificare la validità della ricostruzione energetica e misurare i guadagni di luce e carica a queste energie.

  5. Tiziana Maria Sirangelo - Microbiota of cooked ham and fresh sausage packaged in modified atmosphere throughout the shelf-life.

    PubbliTesi - La Tesi
    MICROBIOTA OF COOKED HAM AND FRESH SAUSAGE PACKAGED IN MODIFIED ATMOSPHERE THROUGHOUT THE SHELF-LIFE

    Scheda Sintetica

    Autore: Tiziana Maria Sirangelo
    Relatore: Maddalena Rossi
    Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
    Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Vita
    Corso: Dottorato di Ricerca in Scienze, tecnologie e biotecnologie agro-alimentari
    Data di Discussione: 01/03/2019
    Voto: s.v.
    Disciplina: Biotecnologie innovative applicate al settore agro-alimentare
    Altri Relatori: Stefano Raimondi
    Lingua: Inglese
    Grande Area: Area Scientifica

    Descrizione:
    The present thesis project focuses on the study of the microbiota of cooked ham and raw sausage packaged in modified atmosphere (MAP), with the aim to obtain new data which will be used to reduce the spoilage process. The microbiota was analyzed through a combination of culture-dependent and independent methods. The latter relies on a NGSbased metagenomic approach, which is essential to get a more comprehensive overview of complex ecosystems such as the meat microbiota. It relies on the sequencing of the specific 16S rRNA region and it is implemented by using the Illumina platform. The analysis and the taxonomic characterization of sequences made it possible to obtain data about the number of reads associated to each OTU. The culture-dependent method was based on the isolation of microorganisms on selective medium plates, on RAPD-PCR clustering and taxonomic designation by partial sequencing of the 16S gene. The study was completed with an organoleptic and volatile organic compounds an ...

  6. Erika Fricchione - Specificità e identità costruite intorno a una Reggia: la città di Venaria Reale (XVII – XXI secolo).

    PubbliTesi - La Tesi
    Specificità e identità costruite intorno a una Reggia: la città di Venaria Reale (XVII – XXI secolo)

    Scheda Sintetica

    Autore: Erika Fricchione
    Relatore: Lucia Carle
    Università: Università degli Studi di Firenze
    Facoltà: Scuola di Architettura
    Corso: Laurea Magistrale in Pianificazione e Progettazione della Città e del Territorio
    Data di Discussione: 18/09/2018
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Antropologia storica
    Tipo di Tesi: Compilativa
    Altri Autori: Elia Perrotta
    Altri Relatori: Silvia Belforte
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Settori Interessati: Pubbliche amministrazioni ad ogni livello

    Descrizione:
    Il presente scritto si prefigge l’obiettivo di ricostruire, seguendo i dettami del metodo storico-antropologico, le fasi fondative, dal punto di vista urbanistico, architettonico, storico e antropologico, della rilevante realtà urbana sorta a partire dall’interesse della dinastia Sabauda per i territori di caccia prossimi alla città di Torino. La costruzione della residenza di svago de la Vénerie e la riplasmazione del borgo di Altessano Superiore rappresentano soltanto l’inizio di una storia caratterizzata dal susseguirsi di interventi di pianificazione e progettazione di tipo “top-down”, tali da indurre un continuo rimescolamento di culture e attività. Flussi migratori, interazioni positive o conflittuali tra governanti e governati, tra pubblico e privato, tra dimensione locale e programmazione comunitaria trovano in questo scritto una sistematizzazione talvolta smarrita tra le pieghe della storia evenemenziale.

    Grado di Innovazione:
    Innovativa poiché rappresentativa di un universo conoscitivo trascurato dalla letteratura accademica di settore. Mette insieme analisi urbanistiche e antropologiche.

  7. Elia Perrotta - Specificità e identità costruite intorno a una Reggia: la città di Venaria Reale (XVII – XXI secolo).

    PubbliTesi - La Tesi
    Specificità e identità costruite intorno a una Reggia: la città di Venaria Reale (XVII – XXI secolo)

    Scheda Sintetica

    Autore: Elia Perrotta
    Relatore: Lucia Carle
    Università: Università degli Studi di Firenze
    Facoltà: Scuola di Architettura
    Corso: Laurea Magistrale in Pianificazione e Progettazione della Città e del Territorio
    Data di Discussione: 18/09/2018
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Antropologia storica
    Tipo di Tesi: Compilativa
    Altri Autori: Erika Fricchione
    Altri Relatori: Silvia Belforte
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Settori Interessati: Pubbliche amministrazioni ad ogni livello

    Descrizione:
    Il presente scritto si prefigge l’obiettivo di ricostruire, seguendo i dettami del metodo storico-antropologico, le fasi fondative, dal punto di vista urbanistico, architettonico, storico e antropologico, della rilevante realtà urbana sorta a partire dall’interesse della dinastia Sabauda per i territori di caccia prossimi alla città di Torino. La costruzione della residenza di svago de la Vénerie e la riplasmazione del borgo di Altessano Superiore rappresentano soltanto l’inizio di una storia caratterizzata dal susseguirsi di interventi di pianificazione e progettazione di tipo “top-down”, tali da indurre un continuo rimescolamento di culture e attività. Flussi migratori, interazioni positive o conflittuali tra governanti e governati, tra pubblico e privato, tra dimensione locale e programmazione comunitaria trovano in questo scritto una sistematizzazione talvolta smarrita tra le pieghe della storia evenemenziale.

    Grado di Innovazione:
    Innovativa poiché rappresentativa di un universo conoscitivo trascurato dalla letteratura accademica di settore. Mette insieme analisi urbanistiche e antropologiche.

  8. Marco Delli Paoli - Riqualificazione tecnologica ambientale del complesso industriale della fabbrica di penicillina ex LEO in via Tiburtina a Roma.

    PubbliTesi - La Tesi
    Riqualificazione tecnologica ambientale del complesso industriale della fabbrica di penicillina ex LEO in via Tiburtina a Roma

    Scheda Sintetica

    Autore: Marco Delli Paoli
    Relatore: Luciano Cupelloni
    Università: Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
    Facoltà: Architettura
    Corso: Laurea Magistrale a Ciclo unica in Architettura
    Data di Discussione: 19/07/2018
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Riqualificazione tecnologica ambientale
    Tipo di Tesi: Progettuale
    Altri Relatori: Maria Beatrice Andreucci
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    Settori Interessati: Architetti, ingegneri, Comune di Roma, Regione Lazio

    Descrizione:
    L’obiettivo della tesi è evidenziare le condizioni di degrado in cui il complesso della fabbrica di penicillina e dell’area circostante versano, compromettendo la salute dei residenti e di coloro che frequentano il quartiere anche solo occasionalmente. La vicina Riserva dell’Aniene e gli spazi da riconfigurare nel contesto urbano si presentano come opportunità di riqualificazione attraverso il ripristino delle connessioni socio-ecologiche realizzabili attraverso nuovi percorsi ciclopedonali e la progettazione degli spazi aperti attraverso criteri bio-eco-orientati, garantendo l’accessibilità, la sicurezza e il comfort dei cittadini. Nello specifico è previsto un centro accoglienza per richiedenti asilo integrato a nuovi servizi di livello urbano in grado di aumentare il potenziale attrattivo dell’area tiburtina, ponendolo al centro delle dinamiche della città di Roma.

    Grado di Innovazione:
    La tesi rappresenta la sperimentazione di un metodo progettuale che ha previsto diverse fasi di analisi in grado di garantire una lettura esauriente del contesto urbano, evidenziando le peculiarità del sito, sulle quali avanzare le proposte progettuali adottate.
    La scomposizione dell’area di studio nei due sistemi (ecologico-ambientale e socio-economico) mi ha offerto la possibilità di approfondire le relazioni esistenti tra il patrimonio naturale e quello sociale, da cui risulta rilevante il g ...

  9. Giovanni Mattiello - Protocollo per lo studio del corredo maiolicato dell’Architettura nolana del Settecento. Il caso del bulbo sommitale del campanile dell’Immacolata.

    PubbliTesi - La Tesi
    Protocollo per lo studio del corredo maiolicato dell’Architettura nolana del Settecento. Il caso del bulbo sommitale del campanile dell’Immacolata.

    Scheda Sintetica

    Autore: Giovanni Mattiello
    Relatore: SAVERIO CARILLO
    Università: Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli
    Facoltà: Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale
    Corso: Laurea Magistrale a ciclo unico in Architettura e ingegneria edile-architettura
    Data di Discussione: 27/03/2018
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: RESTAURO ARCHITETTONICO
    Tipo di Tesi: DI RICERCA
    Altri Relatori: CORRELATORE ARGENZIANO PASQUALE
    Lingua: ITALIANA
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si

    Descrizione:
    La presente tesi di laurea studia il corredo maiolicato dell’Architettura nolana del Settecento, attraverso
    alcuni casi studio a confronto al fine di tratteggiare un protocollo tecnico-operativo su base scientifica per
    l’approccio sistematico al Restauro Architettonico.

    Grado di Innovazione:
    A mio giudizio, la tesi utilizza un metodo di rilievo indiretto sempre più utilizzato nel campo architettonico, rappresentato dalla fotogrammetria. Oggi supportata
    sempre più, dall’innovazione di nuovi software,in grado di elaborare modelli tridimensionali digitali di manufatti architettonici complessi e non fruibili, attraverso le solo acquisizioni fotografiche, nel caso in esame è stata applicata sul bulbo maiolicato del campanile della chiesa dell’Immacolata di Nola,abbattendo i costi rela ...

  10. Benedetta Falsetti - Stress idrico e relazione tra consumi virtuali di acqua e crescita economica.

    PubbliTesi - La Tesi
    Stress idrico e relazione tra consumi virtuali di acqua e crescita economica

    Scheda Sintetica

    Autore: Benedetta Falsetti
    Relatore: Marco Maria Bagliani
    Università: Università degli Studi di Torino
    Facoltà: Dipartimento di Economia e Statistica Cognetti de Martiis
    Corso: Corso di Laurea magistrale in Economia dell’Ambiente, della Cultura e del Territorio
    Data di Discussione: 29/03/2017
    Voto: 110 cum laude
    Disciplina: Cambiamento Climatico: strumenti e politiche
    Tipo di Tesi: Sperimentale
    Altri Relatori: Rosaria Ignaccolo, Vito Frontuto
    Lingua: Italiano
    Grande Area: Area Scientifica
    Dignità di Stampa: Si
    Settori Interessati: Cambiamento climatico, Economia ambientale, Statistica ambientale

    Descrizione:
    In questo lavoro si vuole verificare l’ipotesi dell’esistenza della curva ambientale di Kuznets mettendo in relazione il Pil procapite e l’acqua virtuale blu dei prodotti agricoli primari di 95 paesi, attraverso l’applicazione delle proprietà delle serie storiche ai dati panel. Vengono utilizzati dati riguardanti sia il consumo sia la produzione allo scopo di indagare il ruolo dei paesi all’interno del commercio internazionale. Si cerca, inoltre, di introdurre alcuni degli elementi fondamentali che legano la maggior parte degli studi sulla curva di Kuznets ambientale di modo da costruire un punto di partenza per chiunque decida di dedicarsi a queste tematiche relativamente recenti, ma di fondamentale importanza per la ricerca di nuovi paradigmi economico tecnico-politici che permettano di ripensare la gestione delle risorse idriche a livello globale e, conseguentemente, gli annessi modelli di sviluppo.
    Dopo la verifica della non stazionarietà delle serie storiche prese in esame, si ce ...

    Grado di Innovazione:
    Primo studio che ha cercato di mettere in relazione dati panel riguardanti la water footprint procapite di 95 paesi con il loro indicatore di crescita economica (GDP totale).

Informazioni aggiuntive